Dal salotto all’aula del tribunale senza vedere che il finale era da subito davanti agli occhi

Di Marta Calcagno Baldini

Categoria Recensioni

Pubblicato Ottobre 19, 2023

Giulio Corso, Vanessa Gravina, credit @PinoLePera
Giulio Corso, Vanessa Gravina, credit @PinoLePera

Al Manzoni gli 11 attori per "Testimone d'accusa" sono perfettamente coordinati nella regia di Geppy Gleijeses

Probabilmente nella resa teatrale di un giallo di Agatha Christie il regista deve anzitutto entrare nella parte dell’autrice inglese (1890-1976): gestire l’architettura della trama, aiutare gli attori a caratterizzare i personaggi con poche linee essenziali e immetterli in una scenografia che aiuti lo svolgimento senza condizionarlo eccessivamente. Geppy Gleijeses, autore, attore e regista napoletano (1954) è al pieno delle sue capacità in Testimone d’accusa, in scena al Teatro Manzoni fino al 29 ottobre dall’opera teatrale della Christie riadattata da un suo stesso racconto omonimo del 1953. E gli attori sono ben 11, ognuno caratterizzato precisamente e con le sue specificità.

In particolare spicca Vanessa Gravina nel difficile ruolo di Roamine Heliger, la moglie austriaca di Leonard Vole, Giulio Corso, l’imputato per l’omicidio dell’anziana benestante Emily French. La Gavina, infatti, nel complesso piano architettato col marito per farlo assolvere, è molto efficace nella sua articolata parte, quasi sempre in scena come moglie, ma anche quando, travestita, parla privatamente, non in aula, con l’Avvocato Mayhew, Paolo Triestino (della difesa), e l’Ispettore Hearne, Antonio Tallura, inventando prove che discreditano le sue stesse iniziali, finte, accuse verso il marito Vole.

Due ore e mezza senza sosta, seguendo la trama che si sposta, nelle raffinate, seppur nell’essenzialità, scene di Roberto Crea, tra la casa dell’Avvocato Mayhew e l’aula del tribunale dove avviene il processo. Per uno spettacolo che rimane in sospeso, anche nel ritmo, per tre quarti: i personaggi si sfuggono, si studiano l’un l’altro oltre all’indagine giudiziaria, tra l’aula, al ritmo ingombrante della macchina stenografica (autentica del 1948), e il privato. Per un finale improvviso, esplosivo e vibrante quanto veramente inaspettato e che risveglia le menti, che magari si erano perse nei vicoli bui di un’indagine senza apparenti sbocchi. Da notare la presenza di 6 giurati che vengono scelti tra il pubblico prima dell’inizio dello spettacolo: assisteranno al processo direttamente in scena dall’aula del tribunale, e saranno chiamati a giurare ed emettere il verdetto.

INFO: Teatro Manzoni, via Manzoni 42, www.teatromanzoni.it, info@teatromanzoni.it, tel. 02-7636901

ORARI: feriali, ore 20.45, domenica ore 15.30. Sabato 28 ottobre ore 15.30 e 20.45

BIGLIETTI: Prestige, 36.50 euro. Poltronissima, 33 euro. Poltrona, 25 euro. Poltronissima under 26 anni, 16 euro.

Consigli per prima o dopo lo spettacolo

  • Armani Caffé e Ristorante

    Inaugurato nel 2000 a pochi metri dal Teatro Manzoni, in via Croce Rossa 2, lo spazio è stato rinnovato in tutte le sue aree ed è aperto dal mattino fino a sera tarda. Il personale è molto giovane, cortese e disponibile ad ogni ora per aiutare gli avventori nella vasta scelta di possibilità che il luogo offre, seppur con naturalezza. Al mattino, infatti, si preparano prime colazioni con dolci e pasticceria di produzione propria. Per continuare con una ricca scelta di piatti per un pranzo veloce, gustoso e ricercato (il menù è poi disponibile tutto il giorno, anche in orari non classici), e la sera l’Armani Caffè Ristorante è un luogo di ritrovo per l’aperitivo (con 7 euro si può gustare un buon vino accompagnato da olive verdi king size e mandorle salate, altrimenti per i gruppi si possono chiedere delle alzatine con finger food). Dopo le 19 il locale prosegue con la cena, di piatti di cucina italiana (linguine con le vongole, bottaarga e limone, 28 euro. O risotto ai funghi, 30). Ciò che davvero colpisce, a parte la qualità del servizio, è la famigliarità dell’ambiente, che è accogliente e frequentato da molti milanesi. Non è, come ci si potrebbe aspettare, un locale solo per “gente del mondo della moda” e turisti.

    Indirizzo: Via dei Giardini, 2, 20121 Milano

    Telefono: 0262312680

    Website: https://www.armani.com/it-it/experience/armani-restaurant/emporio-armani-caffe-ristorante-milan

  • Bar del Teatro Manzoni

    Dalla recente nomina di Ernesto Mauri come nuovo Presidente del Teatro (il Direttore rimane Alessandro Arnone) tutto lo stabile è stato valorizzato da migliorie diffuse da ogni parte. Il bar è stato ampiamente rinnovato: nuove proposte per trascorrere i momenti prima dello spettacolo in una atmosfera elegante e ospitale, degustando un aperitivo o assaporando un piatto. La gestione del bar è stata infatti affidata al Fioraio Bianchi Caffè, l’elegante ex fioraio di via Montebello 7. Una scelta di cibi che affonda le sue radici nelle tradizioni, reinterpretandole con sensibilità contemporanea (dalle ore 19.30 al prezzo di 15 € o 25 €). Dalla stagione 2022/23 è possibile acquistare le formule Eat & Drink pre-spettacolo anche online nell’ambito del processo di acquisto dei tuoi biglietti per lo spettacolo. Si seleziona lo spettacolo di proprio interesse, i posti in sala e poi dalla schermata di riepilogo si può aggiungere l’opzione Eat & Drink preferita. Si riceverà insieme ai biglietti dello spettacolo il coupon da presentare al Bar del Teatro per usufruire dell’aperitivo o cocktail rinforzato.

    Indirizzo: Via Alessandro Manzoni, 40, 20121 Milano

    Telefono: 348.8663820

    Email: banqueting@fioraiobianchicaffe.it

  • Parco

    Propone piatti della tradizione culinaria giapponese. E’ un locale storico, nato nel 1998, tra i primi sushi bar milanesi a far apprezzare le specialità della cucina orientale, in una location accogliente e suggestiva dal gusto vintage.

    Indirizzo: Piazza Cavour, 7, 20121 Milano

    Telefono: 0229001875

    Website: https://parcosushicavour.it/

  • Swiss Corner

    E’ un locale abitualmente frequentato da molti lavoratori della zona e giovani. Offre aperitivo al tavolo con varie proposte tipiche ma buone (a parte le patatine anche piccoli panini, verdure e pizzette). Si può chiedere senza glutine o vegetariano.

    Indirizzo: Via Palestro, 2, 20121 Milano

    Telefono: 0276390698

    Website: https://www.swisscornermilano.it/

  • Wine Broker

    A pochi minuti a piedi dal Teatro Manzoni. Francesco, il nuovo gestore, propone agli avventori del locale un ricco aperitivo comprendente anche vari tipi di pastasciutta oltre a patatine, panini e pizzette a prezzi nella norma pur essendo in pieno centro.

    Indirizzo: Via Fatebenefratelli, 15, 20121 Milano

    Telefono: 0284216717

  • GERRY’S BAR NELL’HOTEL DE MILAN

    Il Grand Hotel et de Milan (tutti lo chiamano l’Hotel de Milan), si sa, è un salotto nel cuore di Milano. Riservato a chi ha preso una stanza nello storico albergo in cui alloggiava Giuseppe Verdi, certo, ma anche, grazie al suo Gerry’s Bar aperto alla Città, un ambiente perfetto per una tazza di tè, un aperitivo, spuntini leggeri durante tutta la giornata. E’ anche un pre o post-teatro aperto fino a tardi la sera. Ristrutturato di recente, mantiene il suo arredamento di pregio, pur non sacrificando la sua atmosfera unica. E’ il luogo ideale dove trovarsi nel caos cittadino per un momento di tranquillità. Per gruppi bisogna riservare una sala a parte.

    Indirizzo: via Alessandro Manzoni 29, 20121, Milano

    Telefono: 02723141

    Email: info@grandoteldemilan.it

    Website: https://www.grandhoteletdemilan.it/it

Altri articoli relazionati

  • Donne, forza tranquilla e inossidabile

    Di Marta Calcagno Baldini

    Al Teatro Manzoni in scena la commedia di Robert Harling: un cast di brave attrici rende merito alla resilenza femminile in diversi tipi di situazione

    Categoria Ciapa'l tram, Recensioni // Pubblicato Aprile 3, 2024

    Una scena di "Fiori d'acciaio", credit @TeatroManzoni
  • “Prima” al Piccolo, metafora delle prove di uno spettacolo. E dei tentativi per vivere.

    Di Marta Calcagno Baldini

    La nuova produzione del regista francese Pascal Rambert si svilupperà nelle prossime stagioni con altri due capitoli: Durante e Dopo. Il teatro corrisponde alla Vita. Per uno spettacolo che risulta fin troppo articolato

    Categoria Recensioni // Pubblicato Maggio 5, 2023

    la scena si anima per richiamare il quadro di Paolo Uccello, credit @MasiarPasqual
  • Il Barone torna al Piccolo, ma è meno Rampante

    Di Marta Calcagno Baldini

    Fino all'8 ottobre riprende la produzione dello Stabile milanese per la regia di Riccardo Frati. Cambiano i protagonisti, Cosimo (Matteo Cecchi) e Biagio (Leonardo De Colle): la qualità è sempre alta, ma la magia non torna (per chi lo ha già visto)

    Categoria Recensioni // Pubblicato Settembre 30, 2023

    Barone Rampante, foto di scena, credit@MasiarPasquali