“Regredior” al Teatro Out Off, per un Testori inedito e commuovente

Di Marta Calcagno Baldini

Categoria Recensioni

Pubblicato Marzo 10, 2023

Una produzione che è parte delle celebrazioni per il centenario dalla nascita dell'artista di Novate: scritto in ospedale prima di morire, per la prima volta va in scena un testo che mostra la forza della dignità

Già solo il testo è un’opera d’arte: ascoltare Roberto Trifirò, attore e regista del Teatro Out Off, diplomato alla Scuola del Piccolo Teatro, mentre recita Regredior significa abbandonarsi alla musicalità delle parole, di Giovanni Testori. Da ieri, 9 marzo, fino al 2 aprile al Teatro Out Off è in scena il romanzo del 1992 rimasto a lungo inedito e finora mai rappresentato sulla scena. Testori lo finì nella sua camera di ospedale al San Raffaele, dove morirà nel 1993. Sarà pubblicato solo 20 anni dopo. Trifirò è un interprete di grande efficacia, convince pienamente nella sua resa del complicato protagonista testoriano. E’ lui anche l’autore della delicata e rispettosa resa drammaturgica del romanzo, e cura la regia del suo stesso spettacolo.

Il Teatro in via Mac Mahon 16 sceglie proprio “Regredior” come produzione per accompagnare il ricco calendario di eventi e produzioni che accompagnano la mostra “Fotoromanzo Testori. Immagini di una vita” a Casa Testori in occasione del Centenario dalla nascita dell’artista (su Milanoateatro l’abbiamo recensita qui).

Perché una tale ritrosità nel diffondere il romanzo “teatrato”, come lo definiva lo stesso autore? Forse perché pubblicare o, più ancora, rappresentare questa storia significa entrare in un Testori sofferente dato il momento in cui scrive l’opera. In in cui, infatti, il protagonista, Torquato, un clochard lombardo, si racconta fino alla morte. Una scena, molto suggestiva, di Gianni Carluccio, in cui al centro figura una panca di legno come quelle delle chiese e, proprio in mezzo allo spazio, pende una croce di legno. Poco più in là una sedia, e per terra sparsi dei tozzi di pane. Tutto lo spazio scenico è circondato da una garza/tenda bianca, che copre anche le quinte, tanto che Trifirò, per entrare in scena, deve arrivare davanti al pubblico e salire sul palco: indossa pantaloni sbrindellati e sporchi, ma non manca di portare giacca e cravatta. Ecco che subito si mostra agli occhi degli spettatori un uomo dignitoso nella sua povertà, che vive consapevolmente, ma senza odio e rabbia verso la società. I racconti di Torquato portano il pubblico nei ricordi della madre, morta e con cui lui parla, o dei tempi del Beccaria in cui il capo dell’istituto lo costringeva a compiere atti sessuali verso di lui. Fino alla descrizione dei bassifondi di Milano, o delle zone vicino alla Centrale in cui Torquato non va volentieri, troppa violenza e crudeltà.

Non si capisce come possa essere rimasto buono, lui, eppure c’è una sorta di rassegnazione serena al destino che rende questo personaggio tremendamente forte e coraggioso: la sofferenza e la scarsità di mezzi non diventano mai un alibi per compiere il male. Passa le sue giornate “de cuntra al mur che poi l’è de marmu, della cà de Diu”, intendendo il Duomo di Milano. Una dignità che  non è messa in discussione neanche dalla “pissa” dei passanti, che Torquato lecca: la confessione della miseria della sua vita che il protagonista rivolge al pubblico, mettendosi a nudo nella sua povertà, non fa che avvicinarlo a tutti gli uomini di cuore. Perché il dolore e le difficoltà accompagnano ognuno noi, la volontà di vivere in modo dignitoso e moralmente ineccepibile in ogni condizione è invece una scelta di nobiltà d’animo che in questo spettacolo, buio nelle scene e nei colori, illumina il cuore.

Il 13 marzo, ore 18.30, al Teatro Out Off, sempre nel calendario degli eventi per il Centenario, in collaborazione con Casa Testori si svolgerà l’incontro “Testori extra moenia. Un autore che sceglie di stare fuori dal centro”, a cura di Giuseppe Frangi, presidente di Casa Testori.

Informazioni

Teatro OUT OFF via Mac Mahon 16, Milano

Durata: 90 minuti

Orari: da martedì a sabato ore 19.30 – domenica ore 16.00

Contatti: 02-34532140, biglietteriaoutoff@gmail.com

Trasporti pubblici: M5 FERMATA CENISIO; TRAM 14; TRAM 12; AUTOBUS 78

Prezzo: Intero: 20 euro / Under26: 14 euro / Over65: 10 euro

www.teatrooutoff.it FB @teatrooutoff Instagram @teatrooutoff Linkedin @TeatroOutOff

Consigli per prima o dopo lo spettacolo

  • Senso

    Nell’Out Off è presente un ampio e piacevole bar e ristorante. La gestione è cambiata a metà novembre scorso, e propone un aperitivo giustamente semplice con buon vino, birra o cocktail a scelta e solo patatine, olive e poco altro (prima di entrare in sala il tempo raramente è sufficiente per consumare troppi piattini sfiziosi. Si finisce per avere fretta e non gustare alcunché). La cena per il dopo spettacolo invece consente di assaporare vari piatti tipici della cucina italiana, primi e secondi, a prezzi nella norma.

    Indirizzo: Via Mac Mahon, 16, 20155 Milano

    Telefono: 0249782503

  • La Rava e la Fava

    Ottima trattoria piemontese di piccole dimensioni a pochi minuti dal teatro Out Off. Dalla Tartare di Fassone al Tartufo Nero (18 euro), ai Tajarin Piemontesi al Ragù (13 euro) o al burro e tartufo nero d’Alba (16 euro) state pur certi che passerete un’ottima serata. Accompagnata anche dalla cortesia del marito, milanese, della proprietaria (Clarissa, è lei la piemontese, non c’era quando siamo andati noi) e simpatia e l’eleganza dei camerieri, indiani

    Indirizzo: Via Principe Eugenio, 28, 20155 Milano

    Telefono: 0233602175

    Website: https://www.trattorialaravaelafava.it/

Altri articoli relazionati

  • C’è vita oltre la Fiction

    Di Marta Calcagno Baldini

    Al Teatro Franco Parenti è in scena "Il Figlio" per la regia di Piero Maccarinelli: in un contesto da serie tv e tra attori già famosi anche per il piccolo schermo si staglia il giovane protagonista Cesare Pranno

    Categoria Recensioni // Pubblicato Febbraio 28, 2024

    BOCCI, RANZI PRANNO - credit @ACHILLE LE PERA
  • Dal testo di Katharina Volckmer, autrice tedesca, al Parenti i simboli attualizzano la Storia

    Di Marta Calcagno Baldini

    Recensione di "L'appuntamento, ossia la storia di un cazzo ebreo", al Teatro Franco Parenti dal 20 settembre al 16 ottobre. Spettacolo che fa riflettere e soprattutto convince per l'interpretazione di Marta Pizzigallo, protagonista

    Categoria Recensioni // Pubblicato Ottobre 17, 2022

  • Anche gli uomini possono essere ottime mamme: al Manzoni una lezione di paternità alternativa

    Di Marta Calcagno Baldini

    La commedia di Coline Serrau scritta negli anni Ottanta è ancora attuale per la straordinarietà dell'evento: tre attori protagonisti in scena si improvvisano mamme. E ce la fanno benissimo.

    Categoria Recensioni // Pubblicato Aprile 16, 2023

    La casa in cui si svolge l'intero settacolo, con i tre scapoli in scena