Non si gioca a caso con l’amore

Di Marta Calcagno Baldini

Categoria Recensioni

Pubblicato Luglio 1, 2024

Credit @SusannaRusso
Credit @SusannaRusso

Non risulta godibile la nuova regia di Antonio Sixty, anche in scena. Il testo di Marivaux potrebbe essere più marcato di sfumature e significati: la recitazione in particolare delle attrici lo uccide

Certo, in un periodo di fine stagioni teatrali, di teniture brevi, di Festival e rassegne, un elogio andrebbe al Teatro Litta per aver inserito in cartellone anche un debutto nazionale. E’ in scena per più di 10 giorni, dal 24 giugno al 13 luglio, Il gioco dell’amore e del caso, la commedia Pierre Carlet de Chamblain de Marivaux (1688-1763), il commediografo parigino contemporaneo di Carlo Goldoni.

Non aiuta ad apprezzare lo spettacolo la scenografia di Guido Buganza, di teli bianchi e con un grande gorilla rosa che pende dall’alto: in questo ambiente tra il pop e l’eccessivamente semplice, si consuma la vicenda, piuttosto banale per come è resa, di Silvia, Francesca Massari, la giovane nobile novella sposa, e Lisetta, Jasmine Monti, la sua ancella. Attendono entrambe l’arrivo di Dorante, Gaetano Callegaro, il promesso sposo, e Arlecchino, Francesco Matucci, il suo servo. Stanno per convolare a nozze grazie all’accondiscendenza del padre di Silvia, sempre Callegaro. Invece che essere solo felice per l’evento, però, la novella vuole analizzare prima l’uomo che la vorrà sposare dato che spesso poi, tra le mura domestiche, la gentilezza degli intenti si trasforma in trascuratezza dell’abitudine. Ecco che, quindi, Silvia decide con Lisetta di scambiarsi le parti: sarà la serva ad incontrare il futuro sposo, e poi a renderne rapporto per valutare l’opzione di non sposarlo. Peccato che la stessa idea abbiano avuto gli altri due, Dorante e Arlecchino: ecco così in scena una classica commedia degli equivoci che porta ovviamente al lieto fine, e che, nonostante la conclusione prevedibile, poteva regalare un’ora e poco più di spensieratezza.

Purtroppo gli attori sono troppo esecutori e davvero poco interpreti, soprattutto le fanciulle (e in particolare la Massari con la sua voce acuta che stanca persino l’orecchio): portano la storia a trascinarsi per un finale che davvero tarda ad arrivare.

Possono bastare “l’intrusione visiva” del Gorilla, la traduzione del testo più elastica e moderna, i costumi minimal che citino il 1700, e la scenografia appena accennata a portare ad oggi il senso di costrizione  e di gabbia in cui si era costretti nel XVIII secolo? Syxty vuole chiaramente creare un parallelismo tra le condizioni di allora e attuali, amori non sincronici e che difficilmente si trovano, impauriti dalla società e i suoi ostacoli. Eppure, per quanto esistano delle idee, lo spettacolo non soddisfa a causa della scarsa interpretazione delle attrici.

Durata: 1 ora. 50 min

Info: Teatro Litta, corso Magenta 24

Orari: lunedì/sabato ore 20.30

Prezzo: intero € 30,00 – convenzioni € 24,00 – ridotto Arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) € 24,00 – Under 30 e Over 65 € 17,00 – Università € 17,00 – scuole di Teatro € 19,00 – scuole civiche Fondazione Milano, Piccolo Teatro, La Scala e Filodrammatici € 11,00 – Scuole MTM € 10,00 – ridotto DVA € 15,00 tagliando Esselunga di colore ROSSO

Info e prenotazioni biglietteria@mtmteatro.it – 02.86.45.45.45

Consigli per prima o dopo lo spettacolo

  • Bar Magenta

    Tra il bancone e gli arredi che risalgono al 1907 c si potrebbe immginare di essere in un locale antiquato. Tutt’altro: aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 2, il Bar Magenta è ancora un riferimento imprescindibile per la città.

    Indirizzo: Via Giosuè Carducci, 13, 20123 Milano

    Telefono: 028053808

    Website: https://barmagenta.it/

  • Boccascena Cafè

    Non fossimo all’interno di uno splendido palazzo nel centro di Milano, e non ci trovassimo lì perchè stiamo per andare al Teatro Litta, magari il Boccascena Cafè non ci direbbe molto quanto ad offerta per l’aperitivo o per mangiare qualcosa prima dello spettacolo (patatine, olive, tartine per aperitivo, panini se si vuole mangiare qualcosa).  Ci si va per la comodità rispetto al teatro, per l’ampio spazio nella sala secondaria e per i prezzi onesti (un toast 6 euro, una piadina o un panino 7. Un bicchiere di vino 4 euro, una bibita 3 euro). Personale cortese e servizio veloce anche se spesso lo spazio è decisamente sovraffollato nelle prime due sale, piccole. Quella retro permette però a tutti di accomodarsi.

    Indirizzo: Corso Magenta 24

    Telefono: 3929243823

    Email: boccascena@mtmteatro.it

  • Risoelatte

    vini e specialità milanesi in un locale retrò con arredi colorati degli anni Sessanta. Con jou-boxe e sedie di fornica e cucina gas a vista.

    Indirizzo: Via Manfredo Camperio, 6, 20123 Milano

    Telefono: 3270547262

1 commento

Lascia il tuo commento

Altri articoli relazionati

  • La ragazza Rosella, un racconto di Milano

    Di Giusi Di Lauro

    Al Parenti l’avventura biografica di una giovane lucana nella capitale italiana del boom nasce dall’incontro tra Egidia Bruno, attrice delle stesse origini della protagonista, e Alberto Saibene, storico e regista.

    Categoria Ciapa'l tram, Recensioni // Pubblicato Maggio 4, 2024

    gidia Bruno nei panni di Rosella, credit @GiusiDiLauro
  • Il Teatro Franco Parenti compie 50 anni: la sua storia fino ad oggi e il cartellone che è appena partito

    Di Marta Calcagno Baldini

    Andree Ruth Shammah ha presentato in un teatro pieno il cartellone del Franco Parenti, al suo 50° anniversario: "Annuncio oggi che mi prendo l’impegno di continuare a gestire questa sala -dice la regista-. Sono grata a Milano per avermi aiutata"

    Categoria Recensioni // Pubblicato Ottobre 17, 2022

  • Le dittature sono in scena all’Elfo Puccini

    Di Marta Calcagno Baldini

    La storia piccola di una madre e suo figlio attraversa la Storia: dal fascismo alle dittature cilene

    Categoria Recensioni // Pubblicato Novembre 30, 2023

    Maddalena Crippa e Alejandro Bruni ne "L'acreobata", credit @TeatroElfoPuccini