L’amore assoluto di Romeo e Giulietta per Mario Martone diventa globalizzato

Di Marta Calcagno Baldini

Categoria Recensioni

Pubblicato Marzo 8, 2023

La nuova produzione del Piccolo allo Strehler attualizza Shakespeare portando in scena un cast di attori per la maggior parte quindicenni, in un esperimento drammaturgico e registico che risulta superfluo

Ci sarà un motivo per cui un regista non aveva mai scelto prima di oggi di rappresentare “Romeo e Giulietta” con i protagonisti e quasi tutti gli interpreti dell’età in cui William Shakespeare li aveva pensati (15 anni)? Evidentemente sì, dato che, all’epoca in cui visse drammaturgo inglese (1564-1616), nonchè quella in cui ambientò la sua tragica storia d’amore (il 1500), l’età media era di 45 anni: considerando che oggi è di 84, in proporzione, dei personaggi allora 15enni oggi di anni ne avrebbero 28 (l’età che infatti abitualmente si affida in scena ai due innamorati).

Purtroppo il Piccolo Teatro, nella nuova produzione che propone allo Strehler per la regia di Mario Martone in scena fino al 6 aprile, stravolge ogni riferimento poetico shakesperiano e attualizza il testo (anche nella traduzione ad hoc di Chiara Lagani) in una anomala quanto inutile corrispondenza anagrafica: per Martone, infatti, Giulietta è interpretata da Anita Serafini, che ha 16 anni, e Romeo da Francesco Gheghi di 20. Lo stesso per tutti gli altri personaggi, ad eccezione di Michele Di Mauro (il padre di Giulietta), Lucrezia Guidone (la madre), Alice Torriani (Donna Montecchi, la madre di Romeo), Benedetto Sicca (il padre), la balia che nella versione di Martone è la zia, sorella della madre (Licia Lanera), Frate Lorenzo (Gabriele Benedetti), che sono attori professionisti. Per un totale di 30 interpreti, la maggior parte quindi adolescenti. Per quanto lo scopo di Martone fosse proprio quello di “descrivere il mondo dei giovani di oggi, violento sia verbalmente che fisicamente” come ha detto il regista stesso alla presentazione dello spettacolo, ci sono vari motivi per cui, a causa di questo esperimento di attualizzazione, lo spettacolo risulta più vicino ad un saggio di fine corso scolastico che ad una produzione dello stabile milanese.

Credit @MasiarPasquali

Prima di tutto la poca efficacia di Romeo e Giulietta: non significa che non abbiano studiato, anzi. Fanno del loro meglio. Ma il teatro non è il cinema, tantomeno la televisione (mezzi in cui la macchina può arginare certe lacune espressive e in cui, la Serafini in Tv, il Gheghi in cinema, si stanno anche cimentando): l’assenza di pathos, il poco convincimento nel comunicare un amore così totalizzante come quello shakespeariano, si avvertono. Non a caso gli unici momenti in cui la scelta di questo giovane cast risulta efficace è quella delle numerose, fin troppe, risse: i ragazzi sanno ben rendere i momenti precedenti alla degenerazione in botte di un litigio. Certo è che la violenza di cui parla Shakespeare aveva ragioni sociali e di cultura completamente diverse, al punto che creare una corrispondenza è superfluo e dannoso ai fini dei significati intrinsechi nell’opera originale: infatti l’odio tra le famiglie Montecchi e Capuleti in Martone è un tema solo accennato. E quindi anche l’impossibilità dell’amore tra Romeo e Giulietta proprio a causa delle rispettive origini è un argomento che quasi viene escluso: nella società globalizzata di cui parla Martone e in cui vuole contestualizzare il suo dramma il sentimento di amore impossibilitato da un odio generazionale non compare. Sembra addirittura che i giovani protagonisti entrino difficilmente nell’interpretazione del proprio sentimento: vivono il qui e ora, non pensano al futuro e si muovono senza capire esattamente cosa stanno sentendo e dove cercano di andare.

Credit @Masiar Pasquali

 Altro aspetto che risulta davvero poco convincente è la scenografia, seppure di Margherita Palli: sparisce Verona, sparisce ogni riferimento ad un palazzo, sparisce la casa-parrocchia di Frate Lorenzo, dove Renzo aveva trovato rifugio e ogni altro riferimento: tutta la scenografia, che peraltro ricorda molto quella de “Il Barone Rampante” (altra produzione dello Stabile andata in scena al Piccolo Teatro Grassi dal 20 gennaio al 5 febbraio con la scenografia di Guia Buzzi), consiste in una sorta di albero che attraversa la scena e su cui gli attori si muovono, sospesi come sui rami di una foresta. Quando toccano terra l’ambiente ricorda quello di una discarica, o di una periferia urbana. Strizzando così l’occhio alla rilettura di Martone, per cui “Romeo e Giulietta” sarebbe una storia sostanzialmente di lotte tra gang metropolitane. 

La domanda che ci si pone dopo aver visto questo “Romeo e Giulietta” è se siamo davvero arrivati a un tale livello di appiattimento dei sentimenti e se quindi veramente questa modalità di attualizzazione non sia semplificativa e poco corrispondente all’oggi.

Informazioni

Piccolo Teatro Strehler, largo Greppi

Orari: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì (salvo mercoledì 15 marzo, ore 15 pomeridiana per le scuole) e venerdì, ore 20.30; domenica, ore 16. Lunedì riposo.

Durata: 3 ore 

Prezzi: platea 40 euro, balconata 32 euro

Informazioni e prenotazioni 02.21126116 – www.piccoloteatro.org

Consigli per prima o dopo lo spettacolo

  • Pandenus Bistrot

    Chissà se Ramazzotti ci è andato da quando il suo ex Resentin, il locale in via Mercato 24, è stato rilevato nel 2018 dalla società Hotel Pandenus, controllata a sua volta dalla holding Bretzel proprietaria del marchio fondato da Filippo Lecardane. Il Resentin aveva chiuso nel 2014, ma Ramazzotti era rimasto proprietario dei muri cedendo l’attività a Crocetta, il locale (di un suo amico) noto in città per i suoi veramente ottimi panini in corso di Porta Romana 67. Da quando la gestione è della catena che attualmente ha locali anche in Gae Aulenti, Melzi d’Eril, Largo La Foppa, piazza Vetra, corso Concordia e via Tadino, chiaramente ha perso un po’ dell’autenticità e del sapore del rapporto vero tra cliente e gestore. Si tratta più di un’amministrazione tecnica che sta molto, molto, troppo (?) attenta alle entrate più che a cercare una affiliazione con chi si reca nel locale. Al punto che, quando ci siamo andati, abbiamo perso ben due volte tempo a dimostrare che il gruppo non aveva intenzione di truffare il ristorante senza pagare alcune quote. Con foto e scannerizzazioni di scontrini, risalendo anche ad errori del locale (che una volta aveva stampato un prezzo superiore a quello effettivamente consumato) abbiamo dovuto dimostrare la nostra onestà di clienti. E  perdipiu’ il controllo interno della sicurezza è totalmente assente: la seconda delle due sere in cui siamo andati al Pandenus di via Mercato una signora del nostro gruppo ha subito il furto della sua borsa. La gestione non ha dimostrato alcun interesse nell’aiutarla nella ricerca, ne’ si è assunta la minima responsabilità dell’accaduto. Come se il furto non fosse avvenuto nel loro locale.  Ovviamente, data la sfiducia dimostrata verso di noi come ladri e, paradossalmente, il furto subito proprio da una persona del nostro gruppo, non torneremo mai più. Peccato, perché la cucina, che in via Mercato ha come chef Enrico Bartolini, propone buoni piatti di ricette tradizionali italiane. Compresa la pizza, il risotto giallo e pastasciutta di vario tipo. A prezzi che, tra l’altro, sono perfettamente nella norma per un locale del centro. Non viene neanche in mente di alzarsi senza pagare!

    Indirizzo: via Mercato 24

    Telefono: 028693391

    Email: mercato@pandenus.it

    Website: https://www.pandenus.it/it/store/pandenus-via-mercato-24/

Altri articoli relazionati

  • C’è vita oltre la Fiction

    Di Marta Calcagno Baldini

    Al Teatro Franco Parenti è in scena "Il Figlio" per la regia di Piero Maccarinelli: in un contesto da serie tv e tra attori già famosi anche per il piccolo schermo si staglia il giovane protagonista Cesare Pranno

    Categoria Recensioni // Pubblicato Febbraio 28, 2024

    BOCCI, RANZI PRANNO - credit @ACHILLE LE PERA
  • Dal testo di Katharina Volckmer, autrice tedesca, al Parenti i simboli attualizzano la Storia

    Di Marta Calcagno Baldini

    Recensione di "L'appuntamento, ossia la storia di un cazzo ebreo", al Teatro Franco Parenti dal 20 settembre al 16 ottobre. Spettacolo che fa riflettere e soprattutto convince per l'interpretazione di Marta Pizzigallo, protagonista

    Categoria Recensioni // Pubblicato Ottobre 17, 2022

  • Anche gli uomini possono essere ottime mamme: al Manzoni una lezione di paternità alternativa

    Di Marta Calcagno Baldini

    La commedia di Coline Serrau scritta negli anni Ottanta è ancora attuale per la straordinarietà dell'evento: tre attori protagonisti in scena si improvvisano mamme. E ce la fanno benissimo.

    Categoria Recensioni // Pubblicato Aprile 16, 2023

    La casa in cui si svolge l'intero settacolo, con i tre scapoli in scena